Nell’articolo di fondo del quotidiano la Repubblica, qualche tempo fa, Zagrebelsky, in un tema giuridico-istituzionale, mi ha profondamente coinvolto perché ha saputo dare senso logico e culturale a quanto molti pensano sull’attuale momento democratico. Ha posto la Costituzione a riferimento e a essa ha contrapposto quella che abilmente ha chiamato “forza normativa di fatto”. Per la Costituzione dedica parole granitiche, definendola come un testo di selezione che “promuove o condanna quanto nella società c’è di buono e quanto di male secondo ideali di giustizia storicamente vincenti”. Il disgusto verso le corruzioni, le paure, le invidie l’intolleranza alimentano quanto è meno vicino alla Costituzione perché, se sostenuti, divengono quella che è chiamata appunto forza normativa di fatto. Provo ora a esprimere un mio personale convincimento con cui mi rapporto all’attuale situazione politica. Correre è più facile, per arrivare lontano, che camminare, ma è un movimento che non ti fa vedere altro che quello che puoi con un flash; camminare ti fa pensare e osservare con tranquillità quello che ti è intorno. Per questo adoro la Costituzione e non sopporto le sue alternative un po’ pericolose!    Grazie prof.
Giancarlo Marcelli Dirigente Scolastico

Ti potrebbe interessare anche

COME TROVARE LE PAROLE……?
Al via il laboratorio teatrale
Tanti visitatori all’IIS Merloni Miliani per l’OPEN DAY – Scuola Aperta-