Da una recentissima indagine professionale, su un campione di 1.022 studenti delle scuole secondarie superiori di Roma, il 66,9% dei giovani è stato almeno una volta vittima di bullismo mentre l’81,3% è stato spettatore

Questi dati “aiutano noi specialisti e le famiglie – commenta Giuseppe Di Mauro, presidente Sipps (Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale) – ad avere una fotografia chiara e netta di una tragica realtà che, purtroppo, è ancora in espansione e necessita di una lotta congiunta di tutti gli attori coinvolti, istituzioni, famiglie e specialisti sanitari”.

Si deve pensare a riformulare la mentalità dei giovani, che, complici un uso scorretto dei social network e il degrado morale degli ultimi anni, rischiano di isolarsi o sviluppare dinamiche aggressive, compromettendo un’appropriata socializzazione.

Parallelamente a questo, dobbiamo prendere in esame l’aiuto che può venire dagli stessi giovani, perché Il 72,6% di loro ritiene necessario avere delle regole; una richiesta quasi nascosta che ci sollecita ad intervenire urgentemente, con modalità studiate, tatto e determinazione.

E la fiducia nei giovani va sempre tenuta in alta considerazione.         

Ti potrebbe interessare anche

L’I.T.I.S. Merloni in Finale Nazionale del “Campionato Internazionale dei Giochi Matematici 2021”
Scuola ai nastri di partenza
Orario scolastico dal 15 settembre 2021