L’esame di Stato, che conclude l’anno scolastico 2019/2020 per le classi quinte, inizierà il 17 giugno alle ore 8:30 e consisterà in un colloquio con la commissione, formata da sei docenti della classe e un Presidente esterno. Il colloquio si svolgerà in presenza; se l’andamento della pandemia non lo dovesse consentire, sarà effettuato a distanza.

Documento del consiglio di classe. Entro il 30 maggio sarà redatto e pubblicato il documento del consiglio di classe che conterrà «i contenuti, i metodi, i mezzi, gli spazi e i tempi del percorso formativo, i criteri, gli strumenti di valutazione adottati e gli obiettivi raggiunti», inoltre «i progetti svolti nell’ambito di “Cittadinanza e Costituzione”; i testi oggetto di studio nell’ambito dell’insegnamento di Italiano durante il quinto anno che saranno sottoposti ai candidati nel corso del colloquio orale; le modalità con le quali l’insegnamento di una disciplina non linguistica in lingua straniera è stato attivato con metodologia CLIL».

L’esame sarà articolato in cinque momenti:

Il colloquio deve accertare «il conseguimento del profilo culturale, educativo e professionale dello studente»; in particolare, ogni candidato dovrà dimostrare «di aver acquisito i contenuti e i metodi propri delle singole discipline, di essere capace di utilizzare le conoscenze acquisite e di metterle in relazione tra loro per argomentare in maniera critica e personale, utilizzando anche la lingua straniera; di saper analizzare criticamente e correlare al percorso di studi seguito e al profilo educativo culturale e professionale del percorso frequentato, mediante una breve relazione o lavoro multimediale, le esperienze svolte nell’ambito dei pcto; di aver maturato le competenze previste dalle attività di “Cittadinanza e Costituzione”».

1) discussione di un elaborato sulle discipline di indirizzo oggetto della seconda prova scritta. L’argomento è assegnato a ciascun candidato dai docenti di quelle materie entro il 1° giugno. Lo studente deve consegnare il suo elaborato per posta elettronica entro il 13 giugno;

2) discussione di un breve testo di lingua e letteratura italiana, già studiato durante il quinto anno e contenuto nel documento del consiglio di classe;

3) analisi da parte del candidato del materiale scelto dalla commissione, che potrà essere «un testo, un documento, un’esperienza, un progetto, un problema», ed è finalizzato a favorire «la trattazione dei nodi concettuali caratterizzanti le diverse discipline e del loro rapporto interdisciplinare»;

4) esposizione da parte del candidato mediante una breve relazione o un elaborato multimediale dell’esperienza di PCTO svolta nel corso del percorso di studi;

5) accertamento delle conoscenze e delle competenze acquisite nelle attività di “Cittadinanza e Costituzione”.

I materiali che sono proposti agli studenti durante il terzo momento del colloquio sono preparati dalla commissione prima di ogni giornata di colloquio. Al colloquio di ogni studente sarà assegnato un punteggio che potrà raggiungere il massimo di 40 punti. La valutazione avverrà servendosi di una griglia uguale per tutte le scuole italiane. CLIL: Per la disciplina non linguistica insegnata in lingua straniera attraverso la metodologia clil, il colloquio può accertare le conoscenze e le competenze solo se il docente della disciplina coinvolta faccia parte della commissione di esame. Credito scolastico Il credito scolastico è attribuito invece fino a un massimo di 60 punti: 18 per la classe terza, 20 per la classe quarta e 22 per la classe quinta. Il credito che ogni studente ha ottenuto durante il terzo e il quarto anno sarà convertito secondo queste tabelle:

Classe terza:

CREDITO CONSEGUITO: 3 = 11; 4 = 12 ; 5 = 14 ; 6 = 15 ; 7 = 17; 8 = 18;

Classe quarta:

 CREDITO CONSEGUITO: 8 = 12; 9 =14; 10 = 15; 11 = 17; 12 = 18; 13 = 20;

Classe quinta:

Durante lo scrutinio che conclude questo anno scolastico, il credito sarà assegnato in base a questa tabella: MEDIA DEI VOTI FASCE DI CREDITO

M < 5 → 8-9

5 ≤ M <6 → 9-10

6 → 10-11

M = 6 → 12-13

6 < M ≤ 7 → 14-15

7 < M ≤ 8 → 16-18

8 < M ≤ 9 → 19-20

9< M ≤ 10 → 21-22  

Misure di sicurezza. Un documento del Comitato tecnico-scientifico propone le misure di sicurezza necessarie per prevenire il contagio. Il calendario di convocazione dovrà essere comunicato sul sito della scuola e con mail a ogni candidato tramite registro elettronico con verifica telefonica dell’avvenuta ricezione. Se necessario, lo studente potrà richiedere alla scuola il rilascio di un documento che attesti la convocazione e che gli dia, in caso di assembramento, precedenza di accesso ai mezzi pubblici per il giorno dell’esame. Lo studente dovrà presentarsi a scuola 15 minuti prima dell’orario di convocazione e dovrà lasciare l’edificio scolastico subito dopo la fine del colloquio. Potrà essere accompagnato da una persona. All’ingresso della scuola non è necessaria la rilevazione della temperatura corporea. Quando si presenterà a scuola, lo studente e l’eventuale accompagnatore dovranno consegnare un’autodichiarazione (allegata al documento del Comitato tecnico-scientifico) che attesti: l’assenza di sintomatologia respiratoria o di febbre superiore a 37.5°C nel giorno dell’esame e nei tre giorni precedenti; di non essere stato in quarantena o isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni; di non essere stato a contatto con persone positive, per quanto di loro conoscenza, negli ultimi 14 giorni. Se lo studente non è in grado di dichiarare anche solo una di queste circostanze, non dovrà presentarsi per l’esame, dovrà invece presentare un certificato medico per consentire alla commissione di programmare una sessione di recupero. Lo studente e l’eventuale accompagnatore dovranno indossare per tutto il tempo in cui saranno a scuola una mascherina di propria dotazione (chirurgica oppure monouso o lavabile, anche auto-prodotte, in materiali multistrato). L’uso della mascherina anche da parte dei membri della commissione e l’obbligo di rispettare la distanza di due metri tra una persona e l’altra non richiedono altre misure di sicurezza particolari. Nel corso del colloquio, lo studente potrà abbassare la mascherina. I componenti della commissione, il candidato, l’accompagnatore e qualunque altra persona che dovesse accedere al locale destinato allo svolgimento del colloquio dovrà pulire le mani con il gel che sarà messo a disposizione. Non è necessario l’uso di guanti. L’IIS MERLONI-MILIANI ha anche istituito una apposita commissione che sta predisponendo ulteriori misure a tutela della salute di tutti che saranno comunicate a tutte le persone coinvolte nell’esame di stato.

FABRIANO 4 GIUGNO 2020

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Oliviero Strona

CLICCARE SOTTO PER LA VERSIONE TRAMITE LINK

https://flipbookpdf.net/web/site/fe09305e11f9e941e7c4649a1053a5965e3603fc202006.pdf.html

ATTENZIONE All’atto della presentazione a scuola il candidato e l’eventuale accompagnatore dovranno produrre un’autodichiarazione attestante: – l’assenza di sintomatologia respiratoria o di febbre superiore a 37.5°C nel giorno di espletamento dell’esame e nei tre giorni precedenti; – di non essere stato in quarantena o isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni; – di non essere stato a contatto con persone positive, per quanto di loro conoscenza, negli ultimi 14 giorni

CLICCARE IL LINK SOTTOSTANTE PER SCARICARE L’AUTOCERTIFICAZIONE DA PRESENTARE ALL’ENTRATA DELLA SCUOLA

https://bit.ly/2XBtyJi

Ti potrebbe interessare anche

Orario scolastico dal 30 novembre
GIOCHI D’AUTUNNO 2020
Libretto web Spaggiari