da un articolo scritto per la Stampa Nazionale e Locale

Il titolo si potrebbe coniugare in mille maniere: civiltà, democrazia, solidarietà, amicizia, rispetto. Quelle citate sono le prime riflessioni pensate nella speranza che i giovani, soprattutto, le socializzino. E’ la storia che consente di dare un nome alla civiltà, un senso alla democrazia, un valore alla solidarietà, un sostegno all’amicizia e un gran senso di condivisione al rispetto. La storia che non può essere dimenticata per non commettere gli stessi errori che finiscono per mortificarla.

Per questo va sostenuta con determinazione la richiesta di proporre ai giovani del prossimo esame di Stato un tema specificatamente storico, inteso come fatto da analizzare nella sua interezza e valutare nella conoscenza scolastica di quanto è avvenuto prima e dopo. Leggere che nelle prove di simulazioni effettuate “la Storia” c’era mi sollecita qualche riflessione che mi piacerebbe condividere. C’era la possibilità di argomentare sul valore della storia, ma non è questo che la Senatrice Liliana Segre ha posto all’attenzione: lei, a buon diritto, ha reclamato la conoscenza critica delle nefandezze del passato, prossimo e remoto, per non ripeterle. Lo fa da un pulpito privilegiato, il suo con il vissuto inaugurabile neppure al peggior nemico (termine a mio avviso antistorico, ma questo è un altro concetto).

Da Preside di periferia condivido pienamente la proposta che credo vada avallata a livello Ministeriale, revisionando rapidamente le indicazioni normative date per la prima prova di esame: in esse deve entrare un tema storico su cui argomentare. Se pochi giovani lo svolgeranno occorrerà riflettere ma non trasformare questo in una valutazione quasi elettorale di dissenso.

Un grande in bocca al lupo ai prossimi diplomandi con l’invito a studiare con i libri che sono comunque e per qualunque argomento testimonianza storica.

Giancarlo Marcelli – Dirigente scolastico Merloni Miliani e Antinori – Regione Marche

Ti potrebbe interessare anche

Primo corso a Fabriano per Mastro Cartaio e Filigranista
Il Presidente Mattarella e i ringraziamenti per il dono delle filigrane (Stampa on-line quotidiana)
UN GENTILE RINGRAZIAMENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA