L’alternanza scuola-lavoro è un programma di educazione imprenditoriale nella scuola superiore
che in quattordici anni ha coinvolto sessanta mila studenti italiani e oltre trecentodieci mila studenti
ogni anno in tutta Europa. E’ rivolto agli studenti tra i sedici e i diciannove anni dell’ultimo triennio
delle scuole di tutta Italia, può essere personalizzato nella durata e nei contenuti e adottato da tutte
le tipologie di istituti superiori: licei, istituti tecnici e professionali. Le scuole possono aderire con
uno o più classi e possono dar vita a uno o più team imprenditoriali, con un numero di studenti tra i
sette e i trenta. Ogni classe è coordinata da un docente interno dell’istituto. Le centoventi ore
durante le quali il programma si sviluppa, prevedono almeno il 50% di attività pratiche a diretto
contatto con professionisti, aziende istituzioni e altre realtà economiche locali, nazionali o
internazionali. Nel nostro istituto il progetto ha previsto l’alternarsi di ex imprenditori o
professionisti che dapprima ci anno spiegato cos’è un’azienda nella sua interezza, da come nasce a
come è organizzata, il processo produttivo, la logistica, il magazzino e via dicendo. Ci hanno
proposto di organizzarci come una vera realtà aziendale, dotandoci di un leader (manager) e di ruoli
operativi, documenti e regole, con il fine di sviluppare concretamente un’idea imprenditoriale (un
prodotto, un servizio) e lanciarla sul mercato. Nel caso specifico, con il mio gruppo composto da
sei persone più un leader, ci siamo occupati di costruire una penna, pensando dapprima ai materiali
e ai singoli componenti, calcolando poi il tempo di assemblaggio. Quindi gli abbiamo dato un nome
al prodotto, in seguito pensato al suo confezionamento e infine al suo lancio sul mercato. In
definitiva dall’idea al prodotto finito. Il progetto continuerà con attività pratiche all’interno di
aziende o studi professionali, a partire dal mese di giugno, per circa un mese. In questo periodo, i
docenti stanno contattando le aziende, per verificare la loro disponibilità ad accogliere i ragazzi.
Parlando a nome di tutto il gruppo, reputo questa esperienza molto utile e costruttiva, per
comprendere meglio il mondo del lavoro, l’inserimento professionale e l’intero contesto del reparto
produttivo. Inoltre, il team working, oltre a rafforzare le nostre competenze, ci ha permesso di
sviluppare un mix di abilità trasversali, come l’assunzione di responsabilità, lo spirito di iniziativa,
la perseveranza, la creatività, l’intraprendenza e la fiducia in noi stessi. Se posso esprimere la mia
opinione strettamente personale, credo che il progetto sia molto valido ed interessante, anche se
alcune cose dovrebbero essere affinate: noi giovani dovremmo prestare più attenzione verso le
tematiche chi viene ad insegnarci e, oltre che essere ancora più rispettosi, mostrarci ance più
interessati, perché tutto questo è fatto per il nostro bene, presente e futuro. D’altro canto, diciamo, a
nostro favore, che gli insegnanti a volte si dovrebbero rendere conto che in fondo siamo ragazzi e
che loro dovrebbero trovare modi trasversali, per interessarci, coinvolgerci maggiormente e per
renderci più partecipi.

Manuel Marà III Chim

Ti potrebbe interessare anche

COVID19. AVVIO DEL PIANO VACCINALE DEL PERSONALE SCOLASTICO. Prime indicazioni
LETTERA DEL NEO MINISTRO PATRIZIO BIANCHI
DISCORSO DI MARIO DRAGHI AL SENATO